Pidoni messinesi

aprile 07, 2016

I pidoni sono un tipico street food della cucina messinese: si tratta di fagotti di pasta fritti il cui ripieno tradizionale prevede scarola riccia, acciughe, formaggio e pomodoro.

Anche se la forma a mezza luna li ricorda, i pidoni non si confondono con i calzoni, sia per il ripieno che per la pasta, dato che quella dei pidoni è molto più sottile, sfogliata e quasi croccante

Possono anche essere cotti in forno ma la frittura dà loro un sapore senza eguali: appena fritti, caldi e fumanti sono irresistibili 😋 

Pidoni messinesi

PIDONI MESSINESI
Ingredienti per 20 pidoni

PER L'IMPASTO
500 g di farina 00
500 g di farina di semola rimacinata
1 cubetto di lievito di birra
25 g di sale
3 cucchiai di zucchero
olio d'oliva e acqua calda q.b.

PER IL RIPIENO
2 grossi cespi di scarola riccia
400 g di edamer o tuma
200 g di provolone piccante
500 g di pomodorini
150 g di acciughe sotto sale
olio d'oliva q.b.
sale e pepe q.b.

PER FRIGGERE
q.b. di olio di semi


Preparare innanzitutto l'impasto, sciogliendo il cubetto di lievito in un po' di acqua calda. Unire le due farine e disporle a fontana su una spianatoia, al centro mettere il sale e lo zucchero e cominciare a mescolare gli ingredienti. Aggiungere poco per volta il lievito sciolto e continuare a lavorare l'impasto, per ultimo unire un filo d'olio d'oliva. Impastare energicamente a lungo (all'occorrenza aggiungere altra acqua calda) fino ad ottenere un panetto liscio e omogeneo che andrà poi messo a lievitare per circa 1 ora.

Nel frattempo preparare il ripieno: lavare la scarola, scolarla e poi tagliarla a pezzetti, quindi condirla con sale, pepe e un filo d'olio. Lavare i pomodorini, tagliare anche questi a pezzetti e metterli a scolare. Sciacquare bene le acciughe sotto l'acqua corrente, eliminare le lische, dividere i due filetti e condirli con olio e pepe. Tagliare infine i formaggi a cubetti.

Una volta che sarà raddoppiato di volume, prendere l'impasto e ricavarne 20 palline. Stenderle sul piano da lavoro con l'aiuto di un mattarello fino ad ottenere dei dischi di media grandezza, sulle cui metà andranno disposti gli ingredienti per il ripieno: le acciughe fatte a pezzetti, un po' di scarola e di pomodorini e i cubetti di formaggio. Chiudere i pidoni facendo aderire bene i bordi, che andranno ripiegati e schiacciati con i rebbi di una forchetta. Friggere in abbondante olio di semi e lasciare scolare su carta assorbente.

Pidoni messinesi

Potrebbero interessarti anche

22 commenti

  1. Ciao mi sono aggiunta ai tuoi sostenitori.. Devono essere molto buoni perché le foto fanno tanta gola :-))
    Lia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lia!! Mi fa tantissimo piacere che ti sia unita, benvenuta :-)

      Elimina
  2. I pidoni messinesi non li conoscevo, ma quando dici "appena fritti, caldi e fumanti sono irresistibili ;-)" non ho dubbi che sono da provare, soprattutto in loco!!!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Laura!! Prima o poi dovrai provarli, baci a te :-)

      Elimina
  3. una meraviglia! non ne conoscevo l'esistenza , devono essere davvero buoni! complimenti per la meravigliosa torta alle fragole, un abbraccio
    ciao Reby

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Rebecca! Hai un nome che mi piace tantissimo ;-) Sono contenta che la torta ti sia piaciuta, molto impegnativa ma davvero buonissima. Baci!

      Elimina
  4. Non conoscevo questa specialità,tipica del messinese:))sicuramente i tuoi pidoni sono di una bontà e di una goduria unica,mi ispira tantissimo il ripieno sfiziosissimo e la frittura che li rende davvero irresistibili e buonissimi:))grazie mille per la splendida ricetta e i miei migliori e più sinceri complimenti:ti sono venuti benissimo:)).
    Un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rosy! Devi provarli, sono davvero squisiti. Sono felice di aver fatto conoscere una ricetta tipica della mia terra, il bello di questo spazio è proprio il fatto di poter scoprire tantissime cose nuove e condividere allo stesso tempo qualcosa che fa parte di te. Tanti baci :-)

      Elimina
  5. Buonissimi, le foto parlano da sole ed io ho l'acquolina in bocca, bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gabry! L'intento è proprio quello, sono contenta di esserci riuscita :-) A presto

      Elimina
  6. MAMMA MIA CHE ASPETTO INVITANTE!!! Complimenti per la ricetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie davvero Irene!! Immagina quando dalle vetrine delle rosticcerie intravedi queste delizie..impossibile non essere tentati!

      Elimina
  7. FAREI CARTE FALSE PUR DI POTERNE ADDENTARE UNO ORA!!!BRAVA!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
  8. Grazie della visita, ho ricambiato con piacere ! A presto !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te! :-) Alla prossima ;-)

      Elimina
  9. Buon pomerigio! Grazie per essere passata da me e per essere diventata mia lettrice fissa! Ora lo diventerò anch'io perchè il tuo blog è bellissimo! Golosa ricetta!A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Shane!! Mi fa davvero tantissimo piacere, benvenuta :-) Un bacione e a presto

      Elimina
  10. Ahimé conosco questa bontà!
    Mio suocero è di Messina e non so quante volte li ho replicati, anche se in versione cottura al forno dal momento che quando li faccio sembrano non bastare mai! :-DDDDDDDDDD
    Anche la versione focaccia è meravigliosa!

    Queste fotografie sono pazzesche e mi vien voglia di addentare lo schermo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio vero, non bastano mai! Ho intenzione di inserire prossimamente la ricetta della focaccia, anche lei un must :-) Grazie davvero per i complimenti, cerco in tutti i modi di far venire bene in foto i miei piatti e sono contentissima quando ho riscontri positivi. A presto!

      Elimina

Nome

Email *

Messaggio *